I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno.pdf

I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno PDF

Grazia Zuffa

Il volume analizza il problema della droga e delle misure adottate dai paesi europei per ridurre il danno. Di riduzione del danno si comincia a parlare negli anni Ottanta, a fronte dellespandersi dellinfezione HIV, quale strategia di difesa della salute dei tossicodipendenti. Grazia Zuffa ci aggiorna sulle varie applicazioni che essa ha avuto a seconda degli orientamenti di ogni paese: il dibattito italiano, lesperienza inglese, la scelta di tolleranza verso le droghe leggere dellOlanda, la somministrazione di eroina terapeutica in Svizzera. La riduzione del danno comporta un riequilibrio tra le politiche penali e proibizionistiche e quelle sociali. Riequilibrio che può avere tappe e soluzioni intermedie.

Politiche sociali europee per le famiglie e i minori Docente: Prof. Marcello d’Amico Studente: Silvia Clementi Matricola: 4101665 [A.A. 2012/2013] Analisi di … Drogati che dicono ad altri drogati di essere drogati. 3K likes. Pharmaceuticals

9.84 MB Dimensione del file
8838916748 ISBN
Gratis PREZZO
I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.bikesmoveus.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Queste sono le politiche di riduzione del danno più radicali, ma non ci sono ancora studi che certifichino che servono davvero a migliorare la salute pubblica. Ci sono, però, molte dimostrazioni, come quelle che abbiamo riportato, che dimostrano la loro validità per poterle supportare. "La riduzione del danno in Europa alla prova delle pratiche sociali, delle politiche e delle legislazioni" organizzato dal Forum Droghe (presso il Castello Estense, Sala dell'Imbarcadero 2)

avatar
Mattio Mazio

Per una corretta rappresentazione normativa della riduzione del danno Se vorrà sostenere e non impedire pratiche sociosanitarie di riduzione del danno e di cura della persona, anche in materia di uso e circolazione delle sostanze stupefacenti, il diritto dovrà saper essere gentile, e quindi penalmente minimo, costituzionalmente mite, leggero nella sua regolazione, fraterno nelle relazioni umane.

avatar
Noels Schulzzi

E’opinione comune che se una nazione sceglie politiche liberali sulle tossicodipendenze abbracciando la cd. “riduzione del danno”, se non risolverá le cause prossime e remote della diffusione di droga, almeno garantirá migliori condizioni alla propria popolazione di drogati rispetto ad un regime “proibizionista”. La riduzione del danno oggi in Italia nello “scacco” della politica costruita in Europa sull’incremento progressivo e sulla condivisione delle politiche di riduzione del danno, impedendo che, alla Conferenza di Vienna del 2010, né per altri interventi di riduzione del danno.

avatar
Jason Statham

Salve il mio nome è Veronica ed ho 21 anni. Anch’io vorrei raccontare la mia storia e spero che tutti quei ragazzi che fanno uso di droga si fermino a leggere le mie parole.

avatar
Jessica Kolhmann

Per una corretta rappresentazione normativa della riduzione del danno Se vorrà sostenere e non impedire pratiche sociosanitarie di riduzione del danno e di cura della persona, anche in materia di uso e circolazione delle sostanze stupefacenti, il diritto dovrà saper essere gentile, e quindi penalmente minimo, costituzionalmente mite, leggero nella sua regolazione, fraterno nelle relazioni umane.