Quel che resta di Mao. Apogeo e rimozione di un mito occidentale.pdf

Quel che resta di Mao. Apogeo e rimozione di un mito occidentale PDF

M. Tesini, L. Zambernardi (a cura di)

Nella storia politica e ideologica del XX secolo nessun episodio appare comparabile alla fulminea ascesa e allimporsi del mito maoista tra gli anni Sessanta e Settanta. E alla sua successiva rimozione e dissolvenza. Che il celebre Libretto rosso delle citazioni del presidente Mao abbia potuto circolare in un numero valutato a miliardi di copie e, in coincidenza con lazione di movimenti diffusi in tutti i continenti, dominato il dibattito intellettuale delle grandi capitali europee e occidentali, a partire da Parigi, appare oggi un fatto di difficile spiegazione. E tale da sfidare la comprensione immediata. Obiettivo del libro è quello di offrire un panorama delle diverse implicazioni - e nelle sue diverse stagioni - di quel mito politico, che per molti versi risulta essere, nonostante le origini del suo protagonista, un mito occidentale.

Quel che resta di Mao. Apogeo e rimozione di un mito occidentale. Elementi di analisi numerica. Il caso Ellen West. Dove lo sguardo trova quiete. La bellezza come estetica del vero e del bene. Guida ai ghiacciai e alla glaciologia. Forme, fluttuazioni, ambienti. Corriere 4.9.18 Chi gridava evviva Mao Il mito affascinò illustri intellettuali non si allinearono Bocca e Tornabuoni In un volume curato d

3.64 MB Dimensione del file
8800747892 ISBN
Gratis PREZZO
Quel che resta di Mao. Apogeo e rimozione di un mito occidentale.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.bikesmoveus.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Ce lo ricorda un volume curato da Mario Tesini e Lorenzo Zambernardi per Le Monnier, Quel che resta di Mao, in cui accuratamente si traccia un profilo di «apogeo e rimozione di un mito occidentale». Basterebbe una scorsa ad alcuni titoli di giornale comparsi il 10 settembre 1978, il giorno dopo la morte di Mao, opportunamente riprodotti. La domanda è al centro di «Quel che resta di Mao», ricchissimo volume a più voci curato da Mario Tesini (Università di Parma) e Lorenzo Zambernardi (Università di Bologna-Forlì) per Le Monnier (22 euro). Il sottotitolo fotografa alla perfezione i diversi contributi: Apogeo e rimozione di un mito occidentale.

avatar
Mattio Mazio

QUEL CHE RESTA DI MAOTESINI M. (Curatore); ZAMBERNARDI L. (Curatore) ... Joseph Chamberlain e il progetto riformista e imperialista nell'Inghilterra ...

avatar
Noels Schulzzi

18 giu 2006 ... Di lui che si intratteneva velocemente nel pomeriggio con ragazze ... Il portavoce di Fini valutava il talento artistico di future vallette e ... Quello che ci rende italiani veri. ... e il mito del capobranco delle donne (oggi sindrome del maestro di ... Oggi, la rimozione collettiva della colpa ha prodotto esattamente ... Se resta fuor di dubbio che La conquista del pane sia uno dei classici ... È stato detto di Kropotkin tutto il bene possibile, da quel sant'uomo che era non pote- ... Kropotkin era convinto che, in tutto il mondo occidentale, il comunismo anarchico stava ... La sovrapproduzione è solo un mito: il problema reale, invece, è la.

avatar
Jason Statham

Apogeo e rimozione di un mito occidentale, Ma come fu possibile che si restasse abbagliati dal mito di Mao, quando erano trascorsi oltre dieci anni dalle rivelazioni di Krusciov al XX congresso del Pcus (1956) Resta il problema dell’abbaglio generalizzato.

avatar
Jessica Kolhmann

Apogeo e rimozione di un mito occidentale. Anno di pubblicazione 2018, di Mario Tesini, Lorenzo Zambernardi,