Profondo come il mare. Io e i miei amici disabili.pdf

Profondo come il mare. Io e i miei amici disabili PDF

Myriam Altamore

Questo libro vuole essere un diario della mia esperienza e un inno alla vita nonostante tutto. Ho cercato di inquadrare il problema da diversi punti di vista. Tuffandomi in questa parte di mondo che a prima vista può spaventare ma che poi può anche diventare immensa e profonda come il mare. Facendo leva proprio su quegli aspetti poco conosciuti della vita di un disabile, raccogliendo testimonianze, raccontando la mia esperienza di volontaria e riportando come una cronista tutto quello che la gente non si aspetterebbe mai da chi ha avuto la sfortuna di avere qualcosa in meno dalla vita. Così Myriam Altamore, 22 anni, racconta la sua esperienza: con passione, senza falsa umiltà, sottolineando lamicizia e la gioia di stare insieme, non come volontaria, ma come amica. E ci spiazza con domande che, magari, ci siamo fatti, ma che preferiamo non analizzare: Siamo convinti che la vita di una persona disabile sia solo fatta di terapie, riabilitazione e quantaltro? Siamo sicuri che un disabile possa accontentarsi di queste attività? O un disabile può, come tutti avere anche voglia di uscire, andare in vacanza o mangiarsi una pizza con gli amici? E se un giovane disabile soffre è inevitabilmente a causa della sua malattia? Oppure, come tutti, soffre per amore e amicizia?. Sono storie di incontri, di scontri, di avventure raccontate con autoironia che diventano denunce chiare e proposte altrettanto chiare.

Profondo come il mare. Io e i miei amici disabili: Myriam Altamore: 9788831538435: Books - Amazon.ca

4.31 MB Dimensione del file
8831538438 ISBN
Profondo come il mare. Io e i miei amici disabili.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.bikesmoveus.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Ognuno di noi, disabili e non, nell'adolescenza e vivendo in famiglia, si trova in una ... Io, come tutti gli adolescenti, vivevo con i miei genitori e le mie sorelle e ... Quei momenti con i miei amici li ho potuti vivere perché ero andata a vivere da ...

avatar
Mattio Mazio

Profondo come il mare. Io e i miei amici disabili è un libro scritto da Myriam Altamore pubblicato da Paoline Editoriale Libri nella collana Libroteca/Paoline PROFONDO COME IL MARE IO E I MIEI AMICI DISABILI altamore myriam Disponibilità: Momentaneamente non ordinabile Attenzione: causa emergenza sanitaria sono possibili ritardi nelle spedizioni e nelle consegne.

avatar
Noels Schulzzi

02/09/2013 · Assistenti sessuali per disabili, petizione per legalizzarli in Italia - Pagina 6. Discussione iniziata da CignoNero75 il 31-01-2013 - 68 messaggi - 3535 Visite

avatar
Jason Statham

Le spinte dell'amore ci esagitano come fiamme corrisposte da un fuoco interiore ... non c'è amore più profondo di quello senza tempo ... capisco che sotto il sole le mie ali partono semplicemente dai battiti ... i più romantici posti al mondo ch'io conosca siamo bianco e nero mare e riva ... che maschera gli amici da nemici

avatar
Jessica Kolhmann

E Adesso vedo che ogni sera esce con una sua amica di comitiva e volevo esserci io al suo posto. secondo voi ritorna da me io ho capito i miei errori e lo amo più della mia stessa vita abbiamo trascorso tante belle cose insieme e vorrei che fosse di nuovo così, mi ha detto anche che non serve far vedere adesso che ci tengo e che nel caso si farà lui vivo. «Franco Bomprezzi - scrive Antonio Giuseppe Malafarina, ricordando alcuni tra gli innumerevoli incontri coordinati dal nostro direttore responsabile, scomparso nel dicembre scorso - era un giornalista di quelli che non si limitano a scrivere. Franco comunicava. Anche stando zitto. Lo guardavi negli occhi e capivi. Franco aveva il ritmo, i tempi giusti dell’eloquenza.