Referendum provinciale e richieste di maggiore autonomia. Lo «strano» caso della provincia di Belluno.pdf

Referendum provinciale e richieste di maggiore autonomia. Lo «strano» caso della provincia di Belluno PDF

Daniele Trabucco

Partendo dall’indizione di un referendum consultivo per l’ampliamento dell’autonomia amministrativa, regolamentare e finanziaria della Provincia di Belluno, il contributo si interroga sulla ammissibilità di consultazione referendarie di questo tipo, pervenendo a conclusioni negative in ragione della violazione del criterio di esclusività della materia, quale limite ai referendum degli enti locali territoriali, e della supposta concezione dell’autonomia come materia, anziché quale condizione dell’ente.

Trabucco Daniele Libri. Acquista Libri dell'autore: Trabucco Daniele su Libreria Universitaria, oltre 8 milioni di libri a catalogo. Scopri Sconti e Spedizione con Corriere Gratuita!

9.88 MB Dimensione del file
8893912244 ISBN
Referendum provinciale e richieste di maggiore autonomia. Lo «strano» caso della provincia di Belluno.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.bikesmoveus.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La provincia di Bolzano ha ottenuto la sua ampia autonomia per le minoranze presenti sul territorio; spesso le richieste sono stato giustificate con lo slogan "noi e i Ladini". Vale perciò la pena vedere quanto i Ladini siano stati veramente presi in considerazione, quanti e quali siano i diritti dei Ladini rispetto al gruppo linguistico tedesco. Quanto alla provincia, comunque, lo stesso governo l’ha già trasformata in un ente depotenziato, con meno competenze e un consiglio provinciale ridotto. Va bene ricordare quanto era bella e quanto era buona l’A., ma per piacere guardiamo a una scelta politica che si deve fare per il futuro provando a non fondare il ragionamento sui decreti del mercato di FranzJoseph?

avatar
Mattio Mazio

La Provincia di Belluno deve essere fiera di avere degli atleti della tua portata come Marco Sponga e i suoi compagni di viaggio che amanti della montagna avete come obiettivo solamente scoprire la natura, al di là di ogni risultato sportivo. Antonio della Provincia di Treviso. IL MALUMORE Basta centraline: ora il dito punta contro la politica BELLUNO La protesta sconfina oltre la provincia e fuori dalla Regione. Ma la politica resta muta. La campagna Adesso basta incentivi contro lo sfruttamento idroelettrico dei corsi d’acqua bellunesi conquista cittadini e comitati di tutto il Nord Italia, arrivando a fare presa fino in Valle d’Aosta.

avatar
Noels Schulzzi

Referendum provinciale e richieste di maggiore autonomia. Lo «strano» caso della provincia di Belluno. Terapia di coppia per amanti. Il diavolo sul pinnacolo. Le tentazioni di Gesù Cristo. WWW.KASSIR.TRAVEL. Referendum provinciale e richieste di maggiore autonomia. Lo «strano» caso della provincia di Belluno. di Trabucco Daniele Partendo dall'indizione di un referendum consultivo per l'ampliamento dell'autonomia amministrativa, regolamentare e finanziaria della… continua .

avatar
Jason Statham

15 ott 2017 ... Essendo un referendum consultivo, in caso di vittoria del Sì non ci ... In provincia di Belluno, in aggiunta al referendum regionale, si tiene ... Il costo del referendum in Veneto è di 14 milioni di euro, a carico dell'amministrazione regionale. ... La richiesta di maggiore autonomia non va contro la Costituzione.

avatar
Jessica Kolhmann

IL MALUMORE Basta centraline: ora il dito punta contro la politica BELLUNO La protesta sconfina oltre la provincia e fuori dalla Regione. Ma la politica resta muta. La campagna Adesso basta incentivi contro lo sfruttamento idroelettrico dei corsi d’acqua bellunesi conquista cittadini e comitati di tutto il Nord Italia, arrivando a fare presa fino in Valle d’Aosta.